CAME PXC2 Programming Manual

Typ
Programming Manual
PXC2-212
FA01868-IT
Centrale
Antintrusione
MANUALE DI PROGRAMMAZIONE
FA01240M04
IT
I
tal
i
an
o
EN
E
n
g
l
i
sh
FR
F
rança
is
D
E
D
eutsc
h
FA01868M04
Centrale
Antintrusione
ITALIANO
Pag. 2 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
SIMBOLI E GLOSSARIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 3
MENÙ TECNICO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 4
INFORMAZIONI PRELIMINARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Accesso al menù tecnico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
MODALITÀ DI PROGRAMMAZIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Dispositivi Filari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Dispositivi Radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Modem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Modifi ca impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Test impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Impostazioni Orologio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
SCENARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Abilitazione Scenari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Azione su aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Aree associate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Azione uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
ASSOCIA USCITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
AREE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Area abilitata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Descrizione area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
DIPENDENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
FORZATURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
DURATA preallarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
CONTATORE preallarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
TASTIERE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
TASTIERA ABILITATA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Aree associate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Tamper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Buzzer uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Buzzer allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Buzzer TECNICO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Buzzer GONG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
MASCHERAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Associazione 16 Scenari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
INSERITORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
INSERITORE ABILITATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Aree associate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Tamper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Buzzer entrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Buzzer uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Buzzer allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
INSERITORE MASCHERAMENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
ScenariO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
CONNETTIVITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12
IMPOSTAZIONI CAMECONNECT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
IMPOSTAZIONI ETHERNET. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
IMPOSTAZIONI WIFI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
IMPOSTAZIONI 3G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
INGRESSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
Ingresso abilitato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Aree associate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Descrizione ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Tipo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Autoesclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Uscita gong . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Comando uscita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
AssociaZIONE uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
And / or aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
And ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
NON ESCLUDIBILE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
VIDEOCAMERA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
USCITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16
Descrizione USCITA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
TIPO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Ritardo attivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Ritardo Disattivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
DURATA attivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Attivazione REMOTA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Memorizzazione di un evento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
VISIBILITÀ REMOTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
SEGUE USCITA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
TEMPI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18
Intervallo di autotest . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo di supervisione radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo ronda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
TEMPI AREA VINCOLATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
TEMPI AREE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo di allarme generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo di sabotaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo di allarme tecnico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Tempo di allarme rapina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Tempo di uscita gong . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Tempo di uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Tempo di entrata 1 e 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
SEGNALAZIONI EVENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19
Allarme impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
ALLARME GENERALE AREA 1 a16 . . . . . . . . . . . . . . 19
Allarme ingressi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Allarme sabotaggio impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Allarme sabotaggio centrale e periferiche bus. . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme sabotaggio singole aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme sabotaggio ingressi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme tecnico impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme tecnico singole aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme rapina impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Allarme rapina singole aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Accensione totale impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Spegnimento totale impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Parzializzazione impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Accensione e spegnimento singole aree. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
GUASTO IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Guasto alimentazione 230v . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Guasto batterie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Guasto fusibili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Guasto alimentatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
errore mod. telefonico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Guasto pstn e gsm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Supervisione dispositivo radio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Inserimento codice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Inserimento chiave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
accensione non avvenuta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
AUTOTEST . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
ASSOCIAZIONE USCITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21
Uscita guasto batteria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Uscita Allarme Generale Impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Uscita Allarme Sabotaggio Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Uscita guasto impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Uscita allarme tecnico Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Uscita allarme rapina area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita guasto rete. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
USCITA PER AREA 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita allarme generale area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita allarme sabotaggio area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita allarme tecnico area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita Allarme Rapina Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita AREA PRONTA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita Area ATTIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita area parzialmente ATTIVA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita Area SPENTA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita TC Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Uscita GONG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
CODICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
Modifi ca codice installatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Abilitazione codice utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
CODICE UTENTE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
CODICI UTENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Abilitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
AREE ASSOCIATE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
AZIONI PERMESSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Accesso menù tecnico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
INDICE
ITALIANO
Pag. 3 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Simboli e glossario
Questo simbolo indica parti riguardanti la sicurezza.
Questo simbolo indica parti da leggere con attenzione.
Segnale luminoso acceso fisso.
Segnale luminoso spento.
Segnale luminoso lampeggiante veloce.
INSTALLATORE: è la persona/azienda responsabile della progettazione, realizzazione e programmazione dell’impianto.
UTENTE: è la persona/e che usufruisce dell’impianto antintrusione.
Abilitazione programmazione centrale da PC . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Verifi ca chiave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25
CODICI CHIAVI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26
Abilitazione CHIAVE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
AREE ASSOCIATE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
AZIONI PERMESSI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
CONTATTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Contatto abilitato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
email . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Numero telefonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Formato comunicazione telefonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Tentativi chiamata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
IMPOSTAZIONI NOTIFICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28
IMPOSTAZIONI TELEFONICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Ritardo Chiamata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
TESTO COMUNE SMS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
EMAIL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
SIAIP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .29
SIAIP 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
SIAIP 1 PORTA 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
SIAIP 1 PORTA 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
SIAIP 2 ATTIVO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
PROTOCOLLO IP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
ACCOUNT NUM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
PREFISSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
RICEVITORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
SUPERVISIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
TIMEOUT INVIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
FUNZIONI SPECIALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Display tastiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Accensione rapida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
SPEGNIMENTO RAPIDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
TEMPO DI MASKING. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Test Preinserimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
SOCIETÀ INSTALLATOTORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
TELEFONO INSTALLATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
MOSTRA ingresso non pronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Accensione centrale dopo POWER ON. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Ripetizione supervisione radio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Errore comunicazione perifi eriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Gestione allarme sabotaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
PROGRAMMATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31
PROGRAMMI SETTIMANALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
PROGRAMMATORE ORARIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Programmatore abilitato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
FESTIVITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Giorno settimana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
CALENDARIO PROGRAMMATORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32
Calendario settimanAle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Calendario festivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
EVENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32
Menù eventi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
ESPORTA EVENTO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Stampa eventi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
BACKUP / RIPRISTINO CONFIGURAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . .33
Backup confi gurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Ripristino confi gurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Confi gurazione di default . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
INIZIALIZZAZIONE CODICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
INFO CENTRALE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
AGGIORNA DISPOSITIVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
Menù Aggiorna dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
CAMBIO LINGUA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
GESTIONE DELLA CENTRALE VIA APP CAME MOBILE . . . . . PAG. 34
CONFIGURAZIONE CONNETTIVITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
CAMECONNECT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 35
AVVIAMENTO IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 36
INFORMAZIONI PRELIMINARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36
ACCESSO AL MENÙ TECNICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
SELEZIONE NUMERI MAGGIORI DI 9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
APERTURA / CHIUSURA CENTRALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
IMPIANTO IN MANUTENZIONE / SERVIZIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
PRIMA ACCENSIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36
ACCESSO DIRETTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36
ACCESSO PRECEDUTO DA CODICE UTENTE . . . . . . . . . . . . . . .36
POWER ON CENTRALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
DEFINIZIONE AREE IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37
PROGRAMMAZIONE SCENARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37
CREAZIONE SCENARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
ASSOCIAZIONE SCENARI A TASTIERE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI DI CONNESSIONE COME INGRESSI . . .39
PROGRAMMAZIONE INGRESSI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .39
APPRENDIMENTO DISPOSITIVI RADIO . . . . . . . . . . . . . . . . . .40
REGISTRAZIONE MESSAGGI VOCALI DA PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
INVIO MESSAGGI VOCALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
CREAZIONE CODICI UTENTE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43
ABILITARE / DISABILITARE UN CODICE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
ACQUISIZIONE CHIAVI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44
APPRENDIMENTO RADIOCOMANDI . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44
TEST IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45
COLLEGAMENTO PC - CENTRALE . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 46
PROGRAMMAZIONE LOCALE VIA USB . . . . . . . . . . . . . . . . . .46
RIPRISTINO IMPIANTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 47
RIPRISTINO CODICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .47
PARAMETRI DI FABBRICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .47
PARAMETRI DI FABBRICA TRAMITE DIP-SWITCH. . . . . . . . . . . . .47
MESSAGGISTICA EVENTI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . PAG. 48
ITALIANO
Pag. 4 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Menù Tecnico
IMPIANTO
Il menù impianto serve per definire la struttura generale dell’im-
pianto (dispositivi filari, radio, aree, tastiere, inseritori, dispositivi
), indirizzarli ed effettuare test/verifiche sulla configurazione.
Entrare nel menù Tecnico, poi ...
IMPIANTO 02
con si sceglie la modifica all’impianto da configurare ...
DISPOSITIVI FILARI
DISPOSITIVI RADIO
MODEM
MODIFICA IMPIANTO
TEST IMPIANTO
IMPOSTAZIONI OROLOGIO
e si preme .
Quindi con si naviga tra le opzioni.
La selezione del valore viene indicata nelle illustrazioni del display
che mostra sempre il valore di default della configurazione. Con
si esce in qualunque momento.
DISPOSITIVI FILARI
All’interno del menù «Dispositivi Filari» sono presenti i seguenti
sotto menù:
CENTRALE
MODULI INGRESSO/USCITA
TASTIERE
INSERITORI
INDIRIZZAMENTO INSERITORI
MOSTRA INDIRIZZO INSERITORI
RICEVITORI RADIO
ALIMENTATORI
VIDEOCAMERE
VELOCITÀ RS485
Ogni tipologia di dispositivo ha in comune le seguenti voci di
programmazione:
(solo le videocamere hanno dei parametri specifici).
Abilitazione dispositivo
MODULO I/O 1
ABILITATO
Permette di abilitare e disabilitare i dispositivi.
Quando è disabilitato non viene gestito dal sistema.
Aree associate
AREE ASSOCIATE
####### 0/06
Sono le arre associate al dispositivo. Sono le aree usate per le
segnalazioni di stato e le aree a cui i terminali del dispositivo
possono essere associati.
Descrizione
* Entra in modifica usa i caratteri per scrivere e termina con *.
# Esci con D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore
una posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
DESCRIZIONE
CENTRALE
Descrizione del dispositivo:
É possibile personalizzare la descrizione dei dispositivi.
INFORMAZIONI PRELIMINARI
ACCESSO AL MENÙ TECNICO
Per l’avvio dell’impianto e successiva programmazione da tastiera,
e necessario accedere al Menù Installatore (in seguito Menù
Tecnico).
A seconda del parametro ACCESSO MENU TEC (CODICI ->
CODICE TECNICO INSTALLATORE), l’accesso al Menù Tecnico può essere
preceduto o meno dal Codice dell’Utente.
Laccesso simultaneo da più tastiere al menù tecnico o
utente non è consentito. Il Codice Tecnico può essere modificato
in seguito.
ACCESSO DIRETTO
08:23 16/05/10
DIGITARE CODICE
SCELTA MENU
Per accedere al Menù Tecnico direttamente, è necessario che l’im-
pianto sia spento. Digitare il Codice Tecnico. Se il codice è inferiore
alle 6 cifre confermare con l’inserimento del codice.
ACCESSO PRECEDUTO DA CODICE UTENTE
08:23 16/05/10
DIGITARE CODICE
ATTESA COMANDO
*=MENU UTENTE
Per accedere al Menù Tecnico digitare il Codice Utente, poi il Codice
Tecnico, infine il tasto .
Se i codici sono inferiori alle 6 cifre confermare con l’inserimento
del codice.
NB. IN TUTTE LE SUCCESSIVE ISTRUZIONI, QUESTA AZIONE
VERRÀ SEMPRE CHIAMATA
ENTRARE NEL MENÙ TECNICO
SENZA ALTRI DETTAGLI.
MODALITÀ DI PROGRAMMAZIONE
Da tastiera sono disponibili entrambi i menù BASE e AVANZATO.
ITALIANO
Pag. 5 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Versione FW
VERSIONE FW
1.0 [50]
Versione firmware del dispositivo.
Alimentazione
ALIMENTAZIONE
13.87V
Indica la tensione di alimentazione presente nel dispositivo.
Ritardo mancanza rete
digitare il numero e terminare con *.
RIT.MANCANZ. RETE
10 [0-180]
Presente solo nel dispositivo Centrale e Alimentatore remoto.
Indica dopo quanto tempo in minuti la mancanza della tensione di
rete viene considerata un'anomalia.
L'e v en t o MANCANZA RETE viene inserito nella memoria degli eventi. In
caso di alimentazione assente, il led guasto si accende fisso.
Test batteria
digitare il numero e terminare con *.
TEST BATTERIA
60 [0-200]
Presente solo nel dispositivo Centrale e Alimentatore remoto.
Il tempo indica l’Intervallo in minuti del test dinamico della batteria
tampone del dispositivo.
Terminale abilitato
TERMINALE x/XX
TERMINALE
ABILITATO
x = ingresso terminale
XX = INDICE DISPOSITIVO
Presente nei dispositivi con terminali, serve per abilitare o
disabilitare un singolo terminale.
Aree associate
TERMINALE x/XX
AREE ASSOCIATE
####
Aree associate al terminale.
Lingresso potrà essere successivamente associato a tutte le aree
qui selezionate, oppure ad un sottoinsieme di queste. Non può
appartenere ad aree non associate al terminale.
Tipologia terminale ingresso / uscita
TERMINALE x/XX
TERMINALE
INGRESSO
Il terminale può essere configurato come ingresso o come uscita
se viene indicato con ## INGRESSO ## il terminale non può essere
uscita (Es. contatti radio).
Bilanciamento
TERMINALE x/XX
BILANCIAMENTO
SINGOLO BIL.
Il terminale configurato come ingresso può essere configurato con
i seguenti bilanciamenti:
SINGOLO BIL Ingresso singolo bilanciamento RES.TAMPER
DOPPIO BIL Ingresso doppio bilanciamento RES.TAMPER e R1
TRIPLO BIL Ingresso triplo bilanciamento RES.TAMPER, R1 e R2
TAPPARELLA Ingresso contatti a fune
VIBRAZIONE Ingresso sensori vibrazione a lamella
NORM.CHIUSO Ingresso normalmente chiuso
NORM.APERTO Ingresso normalmente aperto
Quando abilitato Singolo, doppio o triplo si possono impostare
anche i valori delle resistenze.
Aggiungi dispositivo
E’ possibile aggiungere un altro dispostivo alla configurazione della
centrale.
Lesempio riporta l’inserimento di un dispositivo MODULI INGRESSO USCITA.
Nota: Non è possibile aggiungere o rimuovere dispositivi
di tipo Centrale.
Rimuovi dispositivo
RIMUOVI
MODULI I/O
IND. MODULO I/O
5 [1-64]
Permette la rimozione di un dispositivo dalla configurazione della
centrale.
Lesempio riporta la rimozione di un dispositivo MODULI INGRESSO USCITA.
Nota: Non è possibile aggiungere o rimuovere dispositivi
di tipo Centrale.
SOLO per i dispositivi Videocamera sono presenti le seguenti voci:
Indirizzo IP
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
INDIRIZZO IP
192.168.226.201
Indica l’indirizzo IP della telecamera.
Utente
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
UTENTE
Utente per accedere alla telecamera. (vedi manuale telecamera)
Password
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
PASSWORD
Password per accedere alla telecamera. (vedi manuale telecamera).
Numero Scatti
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
NUM. SCATTI
0 [0-5]
Numero delle foto memorizzate prima dell'evento di allarme.
Frequenza Scatti per secondo
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
FREQ.SCAT.(SEC.) 1
0 [1-60]
Durata del video da acquisire.
ITALIANO
Pag. 6 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Velocità RS485
VELOCITÀ RS485
115200
Velocità di comunicazione BUS. Velocità disponibili 115200 (default),
2400, 4800, 9600, 38400.
Indirizzamento Inseritori
INDIRIZZAMENTO
INSERITORI
RICERCA
INSERITORE 1 ACCOSTARE CHIAVE
ALL'INSERITORE
INSERITORE 1
TROVATO
INS.RISPONDE
INS. NON RISPONDE
Questa procedura permette l’indirizzamento degli inseritori. Una
volta avviata la procedura di indirizzamento avvicinare una chiave
transponder finc l’inseritore non emetterà un beep di conferma e
la tastiera visualizza inseritore «trovato».
Mostra Indirizzo Inseritori
MOSTRANDO
INDIRIZZI ... #=ESCI
MOSTRA INDIRIZZO
INSERITORI
Selezionando questo menù gli inseritori ogni 10 secondi mostrano
l’indirizzo tramite i led di stato:
Led 1= spento indica che l’inseritore ha un indirizzo compreso tra 0
e 9, acceso indica che l’inseritore ha un indirizzo da 10 a 16.
Led 2= lampeggia indicando le unità.
ES: Indirizzo 12, led 1 acceso fisso e led 2 con 2 lampeggi
consecutivi ogni 10 sec.
Indirizzo 5, led 1 spento e led 2 con 5 lampeggi consecutivi ogni
10 sec.
DISPOSITIVI RADIO
I dispositivi radio sono suddivisi in 6 sottocategorie.
MODULI INGRESSO/USCITA
RADIOCOMANDO
TASTIERE
SIRENE
AGGIUNGI NUOVO DISP. RADIO
Moduli Ingresso/Uscita
Nota: il gruppo MODULI INGRESSO/USCITA è un gruppo generico
che contiene i seguenti dipositivi:
> CONTATTO PORTA
TERMINALE 1 INGRESSO MORSETTO
TERMINALE 2 INGRESSO MORSETTO
TERMINALE 3 INGRESSO CONTATTO MAGNETICO
(terminale principale)
> PIR SENSOR
TERMINALE "SENSORE PIR" (terminale principale)
> SENSORE TENDA
TERMINALE 1 INGRESSO MORSETTO
TERMINALE 2 INGRESSO MORSETTO
TERMINALE 3 "ALLARME SENSORE PIR+MW"
(terminale principale)
I dispositivi radio hanno le stesse opzioni viste prima con i dispositivi
filari con l’aggiunta delle seguenti voci:
Apprendimento
* Entra in APPRENDIMENTO *.
Eseguire la procedura di apprendimento del dispositivo.
APPRENDI DISP. x
Seriale Dispositivo
Visualizza il seriale del dispositivo appreso.
APPRENDI DISP. x
xxxxxxxxxx
Supervisione
SUPERVISIONE RADIO
NO
Se abilitato, la centrale gestisce l'invio della supervisione da parte
del dispositivo.
Avviso Tempo di Uscita
AVVIS.AREA ATT. 1
NO
Solo sirene. Segnala tramite lampeggiante il tempo di uscita con
ingressi chiusi o aperti.
1 lampeggio ingressi chiusi.
2 lampeggi ingressi aperti (vedi manuale sirena).
Avviso Area Attiva 1
AVVIS.AREA DIS. 1
NO
Solo sirene. Segnala tramite lampeggiante inserimento di almeno
un'area di competenza della sirena.
1 lampeggio di 2 secondi (vedi manuale sirena).
Avviso Area Disattiva 1
AVVIS.AREA DIS. 1
NO
Solo sirene. Segnala tramite lampeggiante DISINSERIMENTO almeno
un'area di competenza della sirena.
3 lampeggi (vedi manuale sirena).
Aggiungi Nuovo Disp. Radio
Per aggiungere un qualsiasi nuovo dispositivo radio si esegue la
seguente procedura:
RICERCA NUOVO
DISP.RADIO
Eseguire la procedura di apprendimento del dispositivo (Vedi
manuale dispositivo).
Quando la centrale apprende il dispositivo, viene visualizzato Nome
dispositivo, indice e relativa matricola.
E’ possibile eseguire l'apprendimento di più dispositivi senza uscire
dal menù.
MODEM
Il menù modem racchiude le impostazioni fisiche dei moduli
telefonici:
MODEM PSTN
CONTR.LINEA PSTN
MODEM 3G
CONTR.LINEA 3G
PRIORITÀ LINEA
DURATA PAUSA PSTN
DURATA TONO PSTN
TIMEOUT LINEA PSTN
ITALIANO
Pag. 7 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Modem PSTN installato
MODEM PSTN
NO
No: il modem non è installato
Si: modem è installato, se non presente viene generato un guasto
manomissione.
Controllo Linea Modem PSTN
CONTR.LINEA PSTN
NO
Se abilitato verifica il controllo della linea telefonica PSTN, se
assente viene data una segnalazione di guasto.
Modem 3G installato
MODEM 3G
NO
No: il modem non è installato
Si: modem è installato, se non presente viene generato il guasto
manomissione
Controllo Linea 3G
CONTROLLO LINEA 3G
NO
Se abilitato verifica il controllo della linea telefonica 3G, se assente
viene data una segnalazione di guasto.
PRIORITÀ LINEA
PRIORITÀ LINEA
PSTN
La priorità permette di selezionare il tipo di rete predefinita tra la
linea PSTN o 3G per le chiamate vocali.
Nel caso il combinatore non trovasse la rete predefinita, tutte le
chiamate vocali saranno deviate alla rete secondaria.
I messaggi SMS vengono inviati sempre sulla linea GSM.
PSTN Chiamate vocali via linea telefonica PSTN.
3G Chiamate vocali via GSM.
Durata Pausa PSTN
DURATA PAUSA PST
100 [20-999ms]
Durata della pausa tra un tono e l’altro durante la composizione del
numero e delle chiamate digitali tramite linea PSTN.
Durata Tono PSTN
DURATA PAUSA PST
100 [20-999ms]
Durata del tono durante la composizione del numero e delle
chiamate digitali tramite linea PSTN.
Timeout Linea PSTN
TIMEOUT LINEA PST
100 [60-999s]
Durata massima di una singola chiamata PSTN, Modem interrompe
la chiamata automaticamente allo scadere del timeout.
MODIFICA IMPIANTO
Menù modifica impianto permette di abilitare/disabilitare in modo
veloce alcuni elementi della centrale.
SCENARI
AREE
CODICI
CHIAVI
CONTATTI
Scenari
Selezioni le decine
1 .. 0
abiliti/disabiliti 1->scenario 1 / 0 -> scenario 10
SCENARI
###------10
# scenario abilitato
- scenario non abilitato
Aree
1 .. 9
abiliti/disabiliti 1-> area 1, 9 -> area 9
00 ... 06
abiliti/disabiliti 00->area 10, 06 -> area 16
AREE
###-----------------
# area abilitata
- area disabilitata
Quando si abilita un'area di sistema, tutti i dispositivi saranno
associati a quella area.
Si consiglia come prima operazione di abilitare le aree necessarie
al sistema.
Codici
Selezioni le decine
1 .. 0
abiliti/disabiliti 1-> codice 1 / 0 -> codice 10
CODICI
# 10
Nella configurazione di default la centrale ha solo un codice utente.
Prima devono essere creati (all’interno del menù Codici) e poi è
possibile gestirli da questo menù.
# codici abilitato
- codice non abilitato
« » codice non creato
Chiavi
Selezioni le decine
1 .. 0
abiliti/disabiliti 1-> chiave 1 / 0 -> chiave 10
CHIAVI
10
Nella configurazione di default la centrale non ha chiavi associate.
Prima devono essere associate e successivamente è possibile
gestire le chiavi da questo menù.
# codici abilitato
- codice non abilitato
« » codice non creato
Contatti
1 .. 0
abiliti/disabiliti 1-> contatto 1 / 0 -> contatto 10
CONTATTI
----------10
La centrale gestisce fino a 32 contatti.
# contatto abilitato
- contatto non abilitato
TEST IMPIANTO
Il Menù Test impianto permette di verificare la corretta funzionalità
della centrale e delle periferiche:
TEST INGRESSI
TEST USCITE
TEST TAMPER DISPOSITIVI
TEST SIRENE
TEST BATTERIE
Test Ingressi
TEST INGRESSI
TEST INGRESSI
###
INGRESSI CHIUSI
#=ESC
1 .. 9
abiliti/disabiliti 1-> area 1, 9 -> area 9
00 ... 06
abiliti/disabiliti 00-> area 10, 06 -> area 16
Il test degli ingressi aperti può essere fatto o su tutto l'impianto o
solo su alcune aree selezionate.
Per gli ingressi impostati come doppio o triplo bilanciamento viene
segnalato anche lo stato di manomissione.
ITALIANO
Pag. 8 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Test Uscite
TEST USCITE
TEST USCITE
###
USC.1/R CENTRALE
>OFF< *= ON #=ESC
Permette di comandare le uscite presenti in centrale in base alle
aree selezionate. Si ricorda che la sirena esterna deve essere
collegata all'uscita 1/R di centrale.
Test Tamper
TEST TAMPER
DISPOSITIVI
TEST TAMPER
###
NESSUN DISP.
IN TAMPER
Indica se un dispositivo filare o radio è nello stato di tamper.
Test Sirena Radio
TEST SIRENE
DISPOSITIVI
TEST SIRENE
###
SIRENA 1
>OFF< *= ON #=ESC
Esegue il Test delle Sirene radio.
Test Batteria
TEST BATTERIA
TEST BATTERIA
CENTRALE
TEST BATTERIA
PREMI *
TEST BATTERIA
... IN CORSO
TEST BATTERIA
ALIMENTATORI
TEST BATTERIA
PREMI *
TEST BATTERIA
... IN CORSO
Esegue il Test della Batteria della centrale o il test della batteria
degli alimentatori.
IMPOSTAZIONI OROLOGIO
Menù orologio imposta la gestione dell’orologio:
OROLOGIO
FUSO ORARIO
NTP
Orologio
MODIFICANO I VALORI
SCEGLIE LA VOCE
OROLOGIO
21:17 04/11/16
A=MODIFICA #=NO
21:17 04/11/16
SECONDI : 20
Si impostano manualmente ORA e DATA:
SECONDI, MINUTI, ORE - GIORNO, MESE, ANNO
Fuso Orario
FUSO ORARIO
EUROPA/ROMA
Permette di gestire correttamente il cambio ora legale/solare a
seconda delle regole del paese. Obbligatorio se si abilita il servizio
NTP, in quanto stabilisce il fuso orario al quale deve sincronizzarsi.
NTP
NTP
NO
Se la centrale è collegata in rete, sincronizza l’orologio con il
servizio NTP.
SCENARI
La procedura valida per tutta la programmazione degli scenari,
dopo l’accesso al menù Installatore/Tecnico, è la seguente:
SCENARI 3
EVENTI
MODIFICA SCEN. 1
ESCO DI CASA
Con si sceglie lo scenario da programmare e si preme .
Con si esce in qualunque momento.
Voci del menù.
ABILIT. SCEN
DESCRIZIONE
AZIONE AREE
AREE ASSOCIATE
AZIONE USCITA
ASSOCIA USCITA
ABILITAZIONE SCENARI
ABILIT.SCEN 1
ABILITATO
Quando abilitato è possibile eseguire lo scenario.
DESCRIZIONE
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
DESCRIZIONE
ESCO DI CASA
Descrizione dello scenario, è possibile personalizzare la descrizio-
ne dello scenario.
AZIONE SU AREE
AZIONE AREE 1
ACC+SPEGN.ESATTA
Il parametro definisce l’azione che lo scenario deve compiere sulle
aree tra quelle specificate in AREE ASSOC. 01.
DISABILITATA Lo scenario non altera lo stato di accensione delle
aree.
Esempio: scenario disabilitato o scenario di cui si vuole
gestire solo l’uscita associata definita in ASSOC. USCITA.
ACC+SPEGN. ESATTA Le aree selezionate si accenderanno e quelle
deselezionate si spegneranno in modo forzato nell’esatta configu-
razione definita.
Esempio: è quello più usato e serve affinché l’Utente
possa impostare lo stato di accensione delle aree tra-
mite la scelta di uno scenario indipendentemente dalla
precedente configurazione.
ITALIANO
Pag. 9 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
ESCO DI CASA ###; aree giorno, notte e perimetrale
in ON;
VADO A LETTO #-#; solo giorno e perimetrale in ON e
notte in OFF;
RESTO IN CASA --#; solo il perimetrale in ON.
ACC.AREE SELEZ. Solo le aree selezionate si accendono, nulla cambia
sullo stato delle aree non selezionate.
Esempio: usato quando si vuole andare ad accendere
in modo specifico alcune aree; per esempio uno sce-
nario che inserisca la sola area perimetrale (accendi
perimetro --#).
SPEGN.AREE SEL. Solo le aree selezionate si spengono, nulla cambia
sullo stato delle aree non selezionate.
Esempio: usato quando si vuole andare a spegnere in
modo specifico alcune aree; per esempio uno scenario
che spenga la sola area perimetrale (spegni perimetro
--#).
COMMUTA AREE SEL Le aree selezionate cambiano di stato: se accese
si spengono e se spente si accendono.
Esempio: usato quando si vuole unificare in un unico
scenario l’azione di accensione o spegnimento di alcu-
ne aree; per esempio uno scenario che accende/spe-
gne la sola area perimetrale (commuta perimetro --#).
AREE ASSOCIATE
AREE ASSOC. 1
###-----
Per associare le aree definite, allo scenario in programmazione.
AZIONE USCITA
AZIONE USCITA 3
DISABILITATA
Se abilitata, consente di comandare un’uscita direttamente da uno
scenario. L’uscita da comandare la si seleziona in ASSOC. USCITA.
DISABILITATA Lo scenario non comanda nessuna uscita.
Esempio: scenario disabilitato o scenario di cui si vuole
gestire solo aree.
ON Lo scenario attiva l’uscita selezionata.
Esempio: scenario che permette di aprire una serratura
comandata da un’uscita temporizzata. Oppure scena-
rio che accende una luce comandata da unuscita di
tipo stabile.
OFF Lo scenario disattiva l’uscita selezionata.
Esempio: scenario che permette di spegnere una luce
comandata da un’uscita di tipo stabile.
COMMUTA Lo scenario commuta lo stato dell’uscita selezionata (se
ON diventa OFF, se OFF diventa ON).
Esempio: scenario che unifica i comandi on e off di una
luce comandata da un’uscita di tipo stabile.
SEGUE SCENARIO Luscita associata allo scenario, si attiva quando lo
stato della centrale corrisponde esattamente allo scenario; in tutti
gli altri casi l’uscita si disattiva.
ASSOCIA USCITE
ASSOC. USCITA 01
NO
Per associare le uscite definite, allo scenario in programmazione.
AREE
La procedura valida per tutta la programmazione delle aree, dopo
l’accesso al menù Installatore/Tecnico, è la seguente:
AREE 4
MODIFICA AREA 1
AREA 1
con si sceglie l’area da programmare e si preme ; infine
con si naviga tra le opzioni. Il display illustrato mostra sem-
pre il valore di default della proprietà. Con si esce in qualunque
momento.
Voci del menù:
ABILITATA
DESCRIZIONE
AREE DIPEND. 1
FORZATURA
DURATA PREALL.
CONTAT.PREALL.
AREA ABILITATA
Quando abilitata viene gestita dal sistema.
AREA 1
ABILITATA
DESCRIZIONE AREA
DESCRIZIONE 1
AREA 001
Consente di modificare la descrizione dell’area.
Con i tasti ci si sposta in orizzontale, con i tasti alfanumerici si
modifica la descrizione lettera per lettera.
DIPENDENZA
DIPENDENZA 1
--------
La dipendenza di un’area lega il suo stato di accensione da quello
di altre aree (funzione AND). Se si selezionano le aree da cui deve
dipendere, l’area risulterà essere accesa solo se tutte le aree sele-
zionate sono accese. In tal caso quest’area non può essere accesa
o spenta manualmente dall’Utente.
Non sono ammesse accensioni concatenate (area 1 dipende da
area 2; area 2 dipende da area 3; accendo area 3 e si accende
area 2 e 1).
Esempio: si hanno due uffici distinti e un garage in
comune e si vuole inserire l’area associata al garage
solo se tutti e le aree dei due uffici sono accesi:
Area 1 = UFFICIO 1 (dipendenza = ---)
Area 2 = UFFICIO 2 (dipendenza = ---)
Area 3 = GARAGE (dipendenza = ##-)
Scenario 1 = CHIUDO UFFICIO 1 (ACC.AREE SELEZ.; aree
= #--)
Scenario 2 = CHIUDO UFFICIO 2 (ACC.AREE SELEZ.; aree
= -#-)
Tastiera 1 = Ubicata in ufficio 1: (aree associate = #-# ;
scenario A = CHIUDO UFFICIO 1)
Tastiera 2 = Ubicata in ufficio 2: (aree associate = -## ;
scenario A = CHIUDO UFFICIO 2)
Codice 1 = Utente ufficio 1 (aree associate = #-# )
Codice 2 = Utente ufficio 2 (aree associate = -## )
ITALIANO
Pag. 10 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
FORZATURA
FORZATURA 01
NO
La forzatura è il parametro che consente di definire se un’area può
accendersi anche in presenza di ingressi aperti (in tal caso a fine
tempo di uscita l’area andrà in allarme).
NO Un’area con la forzatura disabilitata avvia il tempo di uscita solo
se tutti gli ingressi ad essa associati sono chiusi.
Esempio: utilizzato in ambiente residenziale per per-
mettere all’Utente di poter andare a chiudere gli in-
gressi eventualmente aperti.
SI Un’area con la forzatura abilitata avvia il tempo di uscita indipen-
dentemente dalla presenza di ingressi ad essa associata aperti.
Esempio: utilizzato in ambiente terziario per impedire
che Utenti poco attenti possano lasciare l’impianto con
aree non accese perché con ingressi aperti. In tal caso
la generazione dell’allarme avviserà inevitabilmente
che l’impianto è stato lasciato con ingressi aperti.
DURATA PREALLARME
TEMPO PREALL. 01
[0...255] SEC XXX
Ogni area ha la possibilità di essere impostata come area di pre-
allarme.
Un’area di tipo PREALLARME verrà allarmata solo nel
caso in cui, in un arco di tempo prestabilito, venga
raggiunto un determinato numero di attivazioni di
ingressi. Le attivazioni che precedono il raggiun-
gimento del numero prestabilito per la generazio-
ne dell’allarme, vengono registrate nella memoria
eventi come PREALLARME (PRE ALL. ING.xxx); viene
registrata come allarme ingresso SOLO lultima at-
tivazione che ha effettivamente generato l’allarme.
Se nell’arco di tempo prestabilito il numero di attivazioni non viene
raggiunto il conteggio viene azzerato.
CONTATORE PREALLARME
CNT PREALL. 01
[1...15] NUMERO YYY
Per le aree di tipo PREALLARME, è possibile impostare il numero delle
attivazioni degli ingressi, superato il quale, nell’arco del tempo pre-
stabilito, viene generato l’allarme.
TASTIERE
La procedura valida per tutta la programmazione delle tastiere,
dopo l’accesso al menù Installatore/Tecnico, è la seguente:
TASTIERE 05
MODIF.TASTIER. 01
TASTIERA 01
con si sceglie la tastiera da programmare e si preme
; infine con si naviga tra le opzioni. Il display illustrato
mostra sempre il valore di default della proprietà. Con si esce in
qualunque momento.
l menù tastiere permette di modificare i parametri delle tastiere
radio e filari.
Voci del menù:
ABILITATA
AREE ASSOCIATE
TAMPER
BUZZER ENTRATA
BUZZER USCITA
BUZZER ALLARME
BUZZER TECNICO
USCITA GONG
MASCHERATO
ASSOC. SEC.
TASTIERA ABILITATA
TASTIERA 1
ABILITATA
Quando abilitata viene gestita dal sistema.
AREE ASSOCIATE
AREE ASSOC.
###
Le aree associate sono le aree gestibili e visualizzabili dalla tastiera.
Queste rappresentano anche un filtro di tipo AND sulle aree gestite
dal codice, dallo scenario o dall’impianto.
Esempio: ho un’abitazione che ha in comune il negozio
al piano terra. Il titolare vuole poter gestire con lo stes-
so codice l’abitazione e il negozio avendo la possibilità
da casa di poter gestire anche il negozio.
Area 1 = CASA
Area 2 = NEGOZIO
Scenario 1 = ESCO DI CASA (ACC.AREE SELEZ.; aree = #-)
Scenario 2 = RITORNO A CASA (SPEGN.AREE SEL.; aree = #-)
Scenario 3 = INS. ALL.NEGOZIO (ACC.AREE SELEZ.; aree = -#)
Scenario 4 = DISINSERISCO NEGOZIO (SPEGN.AREE SELEZ.; aree
= -#).
Tastiera 1 = Ubicata in casa: (aree associate = ##; sce
Tastiera 2= Ubicata in negozio (area 2)
TAMPER
TAMPER 1
NO
Consente di abilitare/ disabilitare il tamper di tastiera.
Il tamper di tastiera controlla la comunicazione della centrale
e il tamper antistrappo.
Al fine di garantire la conformità alle Norme EN50131 Grado 3 il
tamper NON può essere disabilitato.
Buzzer entrata
BUZZER ENTRATA 1
SI
Consente di abilitare/ disabilitare il buzzer durante il tempo di en-
trata.
BUZZER USCITA
BUZZER USCITA 1
SI
Consente di abilitare/ disabilitare il buzzer durante il tempo di uscita.
BUZZER ALLARME
BUZZER ALLARME 1
SI
Consente di abilitare/ disabilitare il buzzer durante il tempo di allar-
me della centrale.
ITALIANO
Pag. 11 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
BUZZER TECNICO
BUZZER TECNICO 1
SI
Consente di abilitare/disabilitare buzzer durante un allarme tecnico.
BUZZER GONG
BUZZER GONG 1
SI
È possibile abilitare se la tastiera deve suonare per il tempo di gong.
Esempio: campanello porta ingresso negozi.
MASCHERAMENTO
MASKING 2
NO
Consente di attivare/disattivare la funzione di MASKING per ogni
singola tastiera.
ASSOCIAZIONE 16 SCENARI
Selezionare uno dei 32 scenari
ASSOC. SCEN 1 1
ESCO DI CASA
Questo menu è ripetuto 16 volte in quanto le tastiere possono ge-
stire fino ad un massimo di 16 scenari.
E' possibile associare 16 dei 32 scenari della centrale in modo da
personalizzare le accensioni di ogni singola tastiera
INSERITORI
La procedura valida per tutta la programmazione degli inseritori,
dopo l’accesso al menù Installatore/Tecnico, è la seguente:
INSERITORI 6
MODIF.INS. 01
INSERITORE 01
con si sceglie l’inseritore da programmare e si preme ;
infine con si naviga tra le opzioni. Il display illustrato mostra
sempre il valore di default della proprietà. Con si esce in qualun-
que momento.
Voci del menù:
ABILITATO
AREE ASSOCIATE
TAMPER
BUZZER ENTRATA
BUZZER USCITA
BUZZER ALLARME
MASCHERATO
SCENARIO L1
INSERITORE ABILITATO
INSERITORE 1
INSERITORE
Quando abilitato l’inseritore viene gestito dalla centrale.
AREE ASSOCIATE
AREE ASSOC.
###
Le aree associate sono le aree gestibili e visualizzabili dall'inseri-
tore. Queste rappresentano anche un filtro di tipo AND sulle aree
gestite dal codice,dallo scenario o dall’impianto.
Esempio: ho un’abitazione che ha in comune il negozio
al piano terra. Il titolare vuole poter gestire con la stes-
sa chiave l’abitazione e il negozio.
Area 1 = CASA
Area 2 = NEGOZIO
Scenario 1 = CHIUDO CASA (ACC.AREE SELEZ.; aree = #-)
Scenario 2 = CHIUDO NEGOZIO (ACC.AREE SELEZ.; aree
= -#)
Inseritore 1 = Ubicato in casa: (aree associate = #-;
scenario L1 = CHIUDO CASA)
Inseritore 2 = Ubicato in negozio: (aree associate = -#;
scenario L1 = CHIUDO NEGOZIO)
Chiave 1 = Proprietario (aree associate = ##)
Chiave 2 = Dipendente (aree associate = -#)
TAMPER
TAMPER 1
NO
Consente di abilitare / disabilitare il tamper dell’inseritore.
Il tamper dell’inseritore controlla la comunicazione della cen-
trale.
Al fine di garantire la conformità alle Norme EN50131 Grado 3
il tamper NON può essere disabilitato.
BUZZER ENTRATA
BUZZ. ENTRATA 1
SI
Consente di abilitare / disabilitare il buzzer durante il tempo di en-
trata.
BUZZER USCITA
BUZZER USCITA 1
SI
Consente di abilitare / disabilitare il buzzer durante il tempo di usci-
ta.
BUZZER ALLARME
BUZZ. ALLARME 1
SI
Consente di abilitare / disabilitare il buzzer durante il tempo di al-
larme della centrale.
INSERITORE MASCHERAMENTO
MASKING
SI
Quando abilitato l’inseritore funziona in modalità MASKING.
SCENARIO
SCENARIO L1 1
ESCO DI CASA
SCENARIO L2 1
VADO A LETTO
SCENARIO L3 1
RESTO A CASA
Associa gli scenari ai tre LED dell’inseritore.
Con si sceglie lo scenario da associare.
ITALIANO
Pag. 12 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
CONNETTIVITÀ
All’interno del menù CONNETTIVITÀ sono presenti tutti i parametri ne-
cessari per connettere la centrale al servizio CameConnect e per
poter gestire la centrale tramite l’App Came Domotic 3.0.
IMPOSTAZIONI CAMECONNECT
IMPOSTAZIONI ETHERNET
IMPOSTAZIONI WIFI
IMPOSTAZIONI 3G
IMPOSTAZIONI CAMECONNECT
Came Connect
CAME CONNECT
SI
Abilita/disabilita i servizi di cameconnect e la connettività remota
(servizi di email, protocollo siaIP, notifiche push...).
Came Connect VIA
CAME CONNECT VIA
3G
Tipo di collegamento utilizzato
3G = tramite modem 3G (necessario il modulo PXMC3G)
WIFI = tramite dongle WIFI (necessario il modulo PXDGWF)
ETHERNET = Tramite collegamento LAN
Nessuna = Non impostato
Came Connect BACKUP
CAME CONNECT BACKUP
NESSUNA
Se il collegamento principale a Cameconnect non funziona viene
usata la connettività di backup per raggiungere i servizi di Came-
Connect.
3G = tramite modem 3G (necessario il modulo PXMC3G)
WIFI = tramite dongle WIFI (necessario il modulo PXDGWF)
ETHERNET = Tramite collegamento LAN
Nessuna = Nessuna connessione di backup
IMPOSTAZIONI ETHERNET
La centrale ha una porta Ethernet a bordo e può essere collegata
alla rete Lan domestica senza l’aggiunta di accessori o licenze.
Ethernet abilitato
ETHERNET:
ABILITATO
Abilita/disabilita la connessione ETHERNET.
Client DHCP
CLIENT DHCP:
SI
Se abilitato la centrale acquisisce le impostazioni della rete diretta-
mente dal server DHCP.
Se non abilitato inserire a mano i parametri di rete.
Impostazioni dell’IP ADDRESS
IP:
172.168.1.100
Consente di impostare manualmente l’indirizzo IP o di visualizzare
quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni di NETMASK
SUBNET MASK:
255.255.255.0
Consente di impostare manualmente la netmask o di visualizzare
quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni del GATEWAY
GATEWAY:
172.168.1.1
Consente di impostare manualmente il GATEWAY. Nel caso sia sta-
to impostato il DHCP, questo campo risulterà vuoto.
Impostazioni del DNS primario
DNS PRIM.:
8.8.8.8
Consente di impostare manualmente il DNS primario o di visualiz-
zare quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni del DNS Secondario
DNS PRIM.:
8.8.8.4
Consente di impostare manualmente il DNS secondario o di visua-
lizzare quello acquisito dal server DHCP.
IMPOSTAZIONI WIFI
Impostazioni del dongle wifi.
WIFI abilitato
WIFI:
ABILITATO
Abilita/disabilita la connessione WIFI.
ACCESS POINT
ACCESS POINT:
SI
Se abilitato il WIFI crea rete con SSID «PXC2_xxxxxx» a cui con-
netersi per la gestione della centrale in connessione diretta o per
avere una rete indipendente per le Telecamere o altro.
Opzioni in modalità ACCESS POINT.
WIFI AP: Password
WIFI AP: PASSWORD
Gqz1 qkS3
Password del rete creata dalla centrale.
WIFI AP: Indirizzo
IP
192.168.65.1
STATO della connessione
STATO
#NON CONNESSO#
Visualizza lo stato della rete WIFI.
Opzioni in modalità Client
WIFI: SSID
WIFI: SSID
«NOME»
SSID della rete WIFI che si deve collegare la centrale.
ATTENZIONE: SSID non può contenere spazi.
ITALIANO
Pag. 13 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
SICUREZZA
SICUREZZA
WPA2
Modalità di cifratura della rete. La centrale gestisce WPA, WPA2,
WEP, NESSUNA.
WIFI AP: Password
WIFI: PASSWORD
********
La PASSWORD è visibile quindi fare attenzione a quando si visua-
lizza questo campo.
ATTENZIONE: la
PASSWORD
non può contenere spazi.
Client DHCP
CLIENT DHCP:
SI
Se abilitato la centrale acquisisce le impostazioni della rete diretta-
mente dal server DHCP.
Se non abilitato inserire a mano i parametri di rete.
Impostazioni dell’IP ADDRESS
IP
172.168.1.100
Consente di impostare manualmente l’indirizzo IP o di visualizzare
quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni di Netmask
SUBNET MASK:
255.255.255.0
Consente di impostare manualmente la NETMASK o di visualizzare
quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni del GATEWAY
GATEWAY:
172.168.1.1
Consente di impostare manualmente il GATEWAY. Nel caso sia sta-
to impostato il DHCP, questo campo risulterà vuoto.
Impostazioni del DNS primario
DNS PRIM.:
8.8.8.8
Consente di impostare manualmente il DNS primario o di visualiz-
zare quello acquisito dal server DHCP.
Impostazioni del DNS Secondario
DNS PRIM.:
8.8.8.4
Consente di impostare manualmente il DNS secondario o di visua-
lizzare quello acquisito dal server DHCP.
IMPOSTAZIONI 3G
Il modulo 3G PXMC3G può eseguire le chiamate vocali e gli SMS ed
essere collegato alla rete 3G per la connessione a Cameconnect.
3G abilitato
3G:
ABILITATO
Abilita/disabilita la connessione DATI alla rete 3G. Acquisire i dati di
connessione dall'operatore del servizio della SIM.
I dati vanno inseriti manualmente.
3G: APN
APN:
«nome»
Nome del punto di accesso fornito dall'operatore es wap.tim.it,
mobile.vodafone.it....
Codice Telefonico
CODICE TEL.:
«*99***1
Numero telefonico usato per la connessione (fornito dall'operatore).
Di solito è *99***1# oppure *99#.
UTENTE
UTENTE:
Utente o Username sono forniti dall'operatore. Se non specificato
non va inserito.
PASSWORD
PASSWORD:
Password fornita dall'operatore. Se non specificata non va inserita.
INGRESSI
Dopo l'accesso al menù Installatore, seguire la seguente procedura
per la programmazione di tutti gli ingressi.
MOD. ING. 1/C
INGR 1/C CENTRALE
Con si sceglie l’ingresso da programmare (di seguito l’in-
gresso 001) e si preme ; infine con si sceglie la proprietà da
programmare. La selezione del valore viene fatta con i tasti . Il
display illustrato mostra sempre il valore di default della proprietà.
Con si esce in qualunque momento.
Gli ingressi hanno la seguente nomenclatura:
La prima parte indica l’indice del terminale/canale dove è collegato
e la seconda parte indica il modulo dov’è connesso l’ingresso.
Esempio:
INGR1 / C indica l’ingresso è connesso al primo terminare della
Centrale.
INGR3 / 2 MODULO 4 I/O indica che l’ingresso è connesso al terzo
terminale del modulo 4 I/O con indirizzo 2.
In questo modo si ha all’interno della descrizione dell’ingresso, il
riferimento della connessione fisica dell’ingresso stesso.
I terminali impostati come triplo bilanciamento hanno 2 ingressi as-
sociati con rispettiva desinenza a o b:
a = ingresso collegato alla resistenza allarme 1.
b = ingresso collegato alla resistenza allarme 2.
Voci del menù:
ABILITATO
AREE ASSOCIATE
DESCRIZIONE
TIPO
AUTOESCLUS.
USCITA GONG
COMANDO USC.
ASSOCIA USCIT
AND/OR AREE
AND INGRESSO
NON ESCLUDIB
VIDEOCAMERA
ITALIANO
Pag. 14 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
INGRESSO ABILITATO
INGRESSO 1/C
ABILITATO
Quando abilitato l’ingresso viene gestito.
AREE ASSOCIATE
AREE 1/C
#####
Per associare l’ingresso a una o più aree.
Il comportamento di un ingresso associato a più aree dipende dal
valore selezionato per il parametro AND/OR AREE.
DESCRIZIONE INGRESSO
DESCRIZIONE
1/C
INGRESSO 001
Consente di modificare la descrizione dell’ingresso.
Con i tasti ci si sposta in orizzontale, con i tasti alfanumerici si
modifica la descrizione lettera per lettera.
TIPO
TIPO
1/C
ISTANTANEO
Per cambiare le caratteristiche funzionali di un ingresso.
ISTANTANEO È il classico ingresso anti-intrusione, attivo a centrale
inserita e inattivo a centrale disinserita. Se sbilanciato genera un
allarme generale e, se impostate, le relative chiamate telefoniche.
Esempio: ingresso di un contatto magnetico di una
finestra.
RITARDATO 1 È attivo solamente a centrale inserita. Se sbilanciato,
fa partire il tempo di entrata 1, durante il quale deve essere digitato
un codice valido per disinserire la centrale. Durante questo tempo
si ha l’emissione di un suono continuo del buzzer. Se la centrale non
viene disinserita sarà generato l’allarme generale e, se impostate,
le relative chiamate telefoniche.
Esempio: ingresso associato ad una porta d’entrata.
RITARDATO 2 Come RITARDATO 1, ma con tempo di entrata 2.
24 ORE Ingresso istantaneo attivo sia a centrale inserita che a cen-
trale disinserita. Lo sbilanciamento di un ingresso 24 ore fa ge-
nerare un allarme generale e, se impostate, le relative chiamate
telefoniche.
Esempio: ingresso associato al tamper della sirena da
esterni.
TECNICO Ingresso istantaneo attivo sia a centrale inserita che a
centrale disinserita. Lo sbilanciamento di un ingresso tecnico attiva
l’uscita definita per l’ALLARME TECNICO, l’emissione di un suono
continuo del buzzer (per la durata dell’allarme tecnico) e l’accensio-
ne del LED di allarme sulle tastiere.
Esempio: un ingresso associato ad un sensore di rile-
vazione incendio o gas.
PERCORSO Ingresso istantaneo attivo a centrale inserita. Si com-
porta come un ingresso di tipo ritardato se un ingresso di tipo RI-
TARDATO della centrale fa partire il tempo di entrata. Si comporta
come un ingresso istantaneo in tutte le altre situazioni.
Esempio: ingresso associato ad un rilevatore infrarosso
posto d’innanzi ad una porta d’ingresso di tipo ritarda-
to. Se l’utente apre la porta scatta il tempo di entrata
e anche il rivelatore si comporta allo stesso modo; se
invece entra un ladro dalla finestra il rilevatore si com-
porta da istantaneo.
MEMORIA Ingresso attivo a centrale inserita. Se al termine del tem-
po di uscita si trova chiuso (bilanciato), si comporta come un nor-
male ingresso di tipo istantaneo. Diversamente, se al termine del
tempo di uscita si trova aperto (sbilanciato), viene ignorato sino a
quando non viene chiuso (bilanciato) e da questo momento si com-
porta come un normale ingresso di tipo istantaneo.
Esempio: si definiscono ingressi memoria gli ingressi
che l’Utente desidera lasciare aperti (abbaino, finestre,
) anche a impianto inserito.
ACCENSIONE Ingresso utilizzato per accendere/spegnere le aree
associate all’ingresso. Il comportamento dell’ingresso è definito
dal parametro azione. Lo spegnimento totale o la parzializzazio-
ne dell’impianto tramite un ingresso di tipo ACCENSIONE, simula
la digitazione di un codice che blocca le chiamate telefoniche (se
opportunamente programmato il parametro STOP DA CODICE nelle
OPZIONI TELEFONICHE).
AZIONE DESCRIZIONE
Impulsiva accendi A ingresso sbilanciato le aree associate si
accendono.
Impulsiva spegni A ingresso sbilanciato le aree associate si
spengono.
Impulsiva accendi +
spegni
A ingresso sbilanciato le aree associate
commutano di stato: se spente si accen-
dono e se accese si spengono.
Stabile accendi +
spegni
A ingresso sbilanciato le aree associate si
accendono e quando bilanciato le aree si
spengono.
Esempio: Se si vuole gestire le accensioni e gli spe-
gnimenti tramite chiave meccanica, è necessario con-
figurare lingresso come ACCENSIONE associandogli
le aree che si intendono accendere/spegnere, e con-
figurare l’azione come STABILE ACCENDI + SPEGNI.
Lingresso va collegato alla chiave meccanica in ma-
niera tale che quando la chiave è su “Impianto acceso”
l’ingresso sia sbilanciato (NA) e quando è su “Impianto
spento” l’ingresso sia bilanciato (NC).
Al fine di garantire la conformità alle Norme EN50131 Grado 3 gli
ingressi di tipo ACCENSIONE devono essere connessi a dispositivi a
chiave con numero di combinazioni superiori a 100.000.
RAPINA Ingresso istantaneo attivo sia a centrale inserita che a cen-
trale disinserita. Il suo sbilanciamento attiva l’accensione del LED
di allarme sulle tastiere e invia la chiamata telefonica di allarme ai
numeri telefonici associati ad ALLARME RAPINA.
GUASTO Ingresso attivo sia in centrale inserita che disinserita. Se
sbilanciato attiva l’uscita guasto dell’impianto, accende il led giallo
della tastiera e sul display apparirà la scritta anomalia più la descri-
zione dell’ingresso ANOMALIA INGRESSO 01.
ATTENZIONE: l'ingresso di tipo guasto deve essere sbilan-
ciato per più di 10 s per essere considerato aperto.
BLOCCO PRG Ingresso utilizzato per rendere attivo (BILANCIATO) o
disattivo (SBILANCIATO) il programmatore.
SERVIZIO Ingresso di servizio sempre attivo. Può attivare uscite e/o
chiamate telefoniche senza generare alcun allarme, ma può essere
monitorato da touch screen e dalla memoria eventi.
ITALIANO
Pag. 15 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
TIPO
Stato inserito
Relè allarme
Chiamate
telefoniche
Tastiere /
inseritori
Tempi
Aree associate accese
Sempre
Allarme
Sabotaggio
Tecnico
Rapina
Led allarme
Buzzer
Allarme
Sabotaggio
Tecnico
Rapina
Entrata 1
Entrata 2
Istantaneo X X X X X X
Ritardato 1 XXX XXX X
Ritardato 2 XXX XXX X
24 ore XX X XX X
Tecnico XXXXX
Percorso XXX XXX XX
Memoria XXX XXX
Accensione X
Rapina XX X
Tamper XX X XX X
Guasto X
Blocco prog X
Servizio X
Commutare ingresso ritardato in istantaneo
ISTANTANEO
1/C
MAI
Per gestire l’ingresso ritardato come istantaneo quando è parzializ-
zato (ossia se associato a più aree e non tutte sono accese).
Parametro visibile solo se l’ingresso è di tipo ritardato.
MAI Impostazione standard, l’ingresso è sempre ritardato.
Esempio: basculante garage.
SE ACCESO PARZ. l’ingresso è ritardato se tutte le aree associate
sono accese ed è istantaneo se è parzializzato (almeno un’area
spenta e una accesa).
Esempio: questo parametro si imposta quando si ha la ne-
cessità di avere l’ ingresso del portoncino ritardato quando
l’Utente è fuori casa e istantaneo quando è in casa (im-
pianto parzializzato).
Area 1: zona giorno.
Area 2: zona notte.
Area 3: perimetrale.
Scenario 1: Esco di casa; Aree ###.
Scenario 2: Vado a letto; Aree #-#.
Ingresso portoncino: Tipo RITARDATO 1; Istantaneo
SE ACCESO PARZ.;
And/or aree: INS. SE AREE OR; Aree -##.
Numero impulsi
NUM. IMPUL. 001
[1..15] NUMERO 03
Per scegliere il numero di impulsi da ricevere entro il tempo impo-
stato in INTERV.IMPUL., per generare un allarme.
Parametro visibile solo per ingressi di tipo tapparella o iner-
ziale.
Intervallo impulsi
INTERV. IMPUL. 001
[1..255] SEC 03
Per impostare l’intervallo di tempo entro il quale ricevere gli impulsi
selezionati in NUM.IMPUL. , per generare un allarme.
Parametro visibile solo per ingressi di tipo tapparella o iner-
ziale.
AUTOESCLUSIONE
AUTOESCLUS.
1/C
SI.DOPO 3 ALLARMI
Se attivo si definisce il numero di volte (3 a 10) che l'ingresso può
andare in allarme, oltre il quale l'ingresso viene automaticamente
escluso.
Il contatore degli allarmi si azzera e l'ingresso si reinclude se alme-
no un'area associata si spegne.
STATO
STATO
1/C
ESCLUSO
ESCLUSO Un ingresso è escluso quando non utilizzato.
INSERITO Un ingresso è inserito quando è utilizzato nell’impianto.
TEST Un ingresso è in test quando si vuole monitorare il comporta-
mento di un ingresso tramite la memoria eventi senza generare allar-
me con sirena, ma inviando segnalazionitelefoniche (se impostate).
Esempio: in seguito ad un installazione di un impianto
si rileva che un ingresso continua ad andare in allarme
senza apparenti motivazioni.
Mettendolo in test si ha la possibili di continuare il mo-
nitoraggio di possibili allarme (tramite la memoria eventi)
senza attivare le sirene.
USCITA GONG
USCITA GONG
1/C
NO
Permette di scegliere se l’ingresso attiverà o meno un’uscita di-
chiarata come “uscita gong” e/o le tastiere abilitate a suonare
assieme all’uscita GONG. Sempre attivo indipendentemente dallo
stato delle aree associate.
Esempio campanello apertura porta: un classico im-
piego di questa funzione è quello di poter far suonare
la tastiera in seguito all’apertura della porta d’ingresso
di un negozio.
Area 1: interno.
Area 2: perimetrale.
Tastiera 1: Aree associate ##------.
Ingresso portoncino: Uscita buzzer: SI; Aree associate
-#------.
Uscita buzzer tastiere: #-------. Tempo buzzer area peri-
metrale: 3 secondi.
COMANDO USCITA
COMANDO USC.
1/C
SEMPRE
A seconda di questo parametro, la gestione dell’uscita associata
all'ingresso può essere vincolata dallo stato dell’inserimento dell’in-
gresso.
SEMPRE Luscita viene sempre comandata dallo stato dell’ingresso.
Più precisamente: luscita viene attivata se l’ingresso è sbilanciato
e ripristinata se l’ingresso è bilanciato.
INSERITO Se l’ingresso è attivo, ovvero una o più aree ad esso asso-
ciata è inserita, l’uscita viene comandata dallo stato dell’ingresso.
Più precisamente: luscita viene attivata se l’ingresso è sbilanciato
e ripristinata se l’ingresso è bilanciato.
NON INSERITO Se l’ingresso è non attivo, ovvero tutte le aree ad esso
associate non sono inserite, l’uscita viene comandata dallo stato
dell’ingresso. Più precisamente: l’uscita viene attivata se l’ingresso
è sbilanciato e ripristinata se l’ingresso è bilanciato.
ITALIANO
Pag. 16 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
Azione accensione
AZIONE ACC. 001
IMPULS. ACCENDI
Consente di andare a gestire il tipo di azione di accensione / spe-
gnimento sulle aree di centrale associate all’ingresso.
Parametro visibile solo se l’ingresso è di tipo accensione.
Quando l’ingresso viene sbilanciato la centrale accende le aree.
IMPULS. ACCENDI Quando lingresso viene sbilanciato la centrale ac-
cende le aree.
IMPULS. SPEGNI Quando lingresso viene sbilanciato la centrale spe-
gne le aree.
IMPULS.ACC+SPEG Quando l’ingresso viene sbilanciato la centrale in-
verte lo stato di accensione delle aree associate all’ingresso.
STABILE ACC+SPEG Lo stato di accensione delle aree associate all’in-
gresso segue lo stato di bilanciamento dell’ingresso. Se l’ingresso
è sbilanciato le aree sono accese, se l’ingresso è bilanciato, le aree
sono spente.
Esempio: vedere l’esempio riportato sul tipo di ingres-
so definito ACCENSIONE.
ASSOCIAZIONE USCITA
ASSOC. USCITA 1/C
NESSUNA
Assegna l’uscita da attivare se l’ingresso viene sbilanciato. Se l’u-
scita comandata è di tipo stabile, quando l’ingresso si sbilancia
luscita si attiva, se si bilancia luscita si disattiva. Se luscita è di
tipo impulsivo, l’uscita si attiva e avvia la temporizzazione quando
l’ingresso si sbilancia.
A seconda del parametro COMANDO USC la gestione dell’’uscita può
essere vincolata dallo stato dell’inserimento dell’impianto.
AND / OR AREE
AND/OR AREE
1/C
INS. SE AREE OR
Se si associa ad un ingresso più aree lo stato di inserimento dell’in-
gresso dato dallo stato di accensione delle aree associate dipende
da questo parametro:
INS. SE AREE OR Ingresso inserito se almeno un’area associata è ac-
cesa.
Esempio: utilizzato quando con le aree si vogliono an-
dare a gestire delle parzializzazioni che hanno in co-
mune più ingressi.
INS. SE AREE AND Ingresso inserito se tutte le aree associate sono
accese.
Esempio: se si hanno due appartamenti che condivi-
dono entrambi lo stesso garage normalmente si asso-
cia al garage due aree (una per ogni appartamento) e
si imposta la funzione AND.
AND INGRESSO
AND INGRESSO
1/C
NO
Un ingresso, che è programmato in AND con un secondo ingresso,
va in allarme solo se il secondo ingresso è in allarme. Questo pa-
rametro è utilizzato normalmente per avere la funzione di doppio
consenso per generare l’allarme.
Esempio: si hanno due sensori che puntano sulla stes-
sa stanza e si chiede che la segnalazione di allarme
avvenga quando entrambi i sensori vanno in allarme.
Ingresso 1: Tipo ISTANTANEO; And ingresso INGRESSO 2.
Ingresso 2: Tipo ISTANTANEO; And ingresso INGRESSO 1.
NON ESCLUDIBILE
NON ESCLUDIB.
1/C
NO
Durante la fase di accensione da tastiera, premendo il tasto A è
possibile escludere gli ingressi aperti.
È possibile escludere o meno un ingresso durante l’accensione da
tastiera:
NO l’ingresso è escludibile
SI l’ingresso NON è escludibile
Esempio: lingresso associato al portoncino di casa
deve essere non escludibile.
VIDEOCAMERA
VIDEOCAMERA
1/C
NESSUNA
Possibilità di associare all’ingresso una videocamera IP.(vedi licen-
za onvif).
USCITE
Dopo l'accesso al menù Installatore, seguire la seguente procedura
per la programmazione di tutte le uscite:
MOD. USCITA 1/R
USC. 1/R CENTRALE
con si sceglie l’uscita da programmare (di seguito l’uscita
001) e si preme ; infine con si sceglie la proprietà da pro-
grammare. La selezione del valore viene fatta con i tasti . Il
display illustrato mostra sempre il valore di default della proprietà.
Con si esce in qualunque momento.
Le uscite sono identificate in base alla loro installazione fisica, tra-
mite due indici.
Il primo è l’indice del terminale il secondo e indirizzo del dispositivo
filare o radio.
Le prime 3 uscite 1/R , 2/R e 3/R.
Corrispondono alle uscite relè se presenti in centrale si distinguo-
no dai terminali della centrale che utilizza come secondo indice la
lettera «C».
1/R di default è utilizzata per il pilotaggio della sirena da esterno
non modificare tale associazione. Voci del menù:
DESCRIZIONE
TIPO
RIT.ATTIVAZ.
RIT.DISATT.
TEMPO ATTIVAZIONE
SICUREZZA
ATTIVAZ. REMOTA
MEMORIA EVENTO
SEGUE USCITA
DESCRIZIONE USCITA
DESCRIZIONE 1/R
USCITA 1/R
Consente di modificare la descrizione dell’uscita.
Con i tasti ci si sposta in orizzontale, con i tasti alfanumerici si
modifica la descrizione lettera per lettera.
ITALIANO
Pag. 17 - Manuale FA01868-IT - 08/2022 - © CAME S.p.A. - I contenuti del manuale sono da ritenersi suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza obbligo di preavviso. - Istruzioni originali
TIPO
* Entra in modifica usa i caratteri alfanumerici per scrivere e termina
con *.
# Esci D cancella, A cursore una posizione a destra, B cursore una
posizione a sinistra, C cambio maiuscola/minuscola.
TIPO 1/R
STABILE
STABILE Rimane attiva o disattiva a seconda del comando ricevuto.
IMPULSIVA Dopo il comando ricevuto, l'uscita si attiva per il tempo
stabilito.
BLINK (LAMPEGGIANTE)Quando luscita è nello stato logico ON fisica-
mente l’uscita esegue un lampeggio di durata impostabile.
Uscita In ON nei moduli 4I/O led di stato è attivo, da app risulta
attiva , fisicamente sta lampeggiando.
Visibile per le uscite definite di tipo IMPULSIVO.
DURATA ATTIV. 1/R
0 [0-300
s
]
RIT. ATTIVAZ. 1/R
0 [0-300
s
]
RIT. DISATT. 1/R
0 [0-300
s
]
BLINK ON: Tempo in cui l'uscita risulta attiva quando l'uscita è nello
stato di ON.
Visibile per le uscite definite di tipo BLINK.
BLINK.ON. 1R
0 [0-1000
ms
]